Senza categoria

Termoconvettori, quali funzionano meglio

Quando si avvicina la stagione fredda è tempo di pensare a come riscaldare la casa. Si dà il caso che non sempre i classici termosifoni dell’impianto autonomo o centralizzato siano sufficienti a garantire un sufficiente comfort termico in ogni stanza o che si debba trascorrere un periodo in una seconda casa sprovvista di riscaldamento. Cosa fare? In questi casi, il ricorso ai termoconvettori è provvidenziale e risolve il problema. Ma quali sono i migliori termoconvettori sul mercato? Sappiamo che ne esistono di diverse tipologie, anche in base all’alimentazione, che può essere elettrica, a gas o ad acqua. Quali funzionano meglio?

Se avete problemi di spazio potreste ovviare ai problemi di ingombro installando un termoconvettore a parete, che senza nulla togliere al potere riscaldante tipico di questi apparecchi, che scaldano presto e bene, consente di guadagnare più spazio nella stanza. Anche nella scelta di un modello a parete, vanno considerate diverse opzioni e, soprattutto, calcolare la grandezza delle metrature da coprire con questi apparecchi. A seconda delle superfici da riscaldare, si potrà scegliere anche la misura più idonea del termoconvettore, che in caso di ambienti ristretti e raccolti andrà scelto di taglia ‘smart’, mentre in presenza di stanzoni e case spaziose è consigliabile dotarsi di termoconvettori più grandi. Sul mercato ce ne sono diversi di taglie diverse, basta ‘sfogliare’ la guida virtuale del portale tematico https://sceltatermoconvettori.it si potrà trovare il modello su misura. Scegliendo un termoconvettore della misura più consona, si potrà ottenere anche un significativo risparmio energetico, senza più sprechi, nel riscaldare particolari stanze di casa, come bagno, cameretta o cucina.

Oggi la scelta di questi apparecchi si orienta sui modelli a gas, allestibili in casa solo da personale specializzato per non andare incontro a possibili scoppi o guasti. Sempre di gas si tratta! Si dovrà provvedere all’allaccio dei termoconvettori all’impianto di gas domestico e procurare un foro a parete di circa 12 centimetri di diametro per la presa esterna, fruibile anche come scarico per i fumi. Ovviamente, questo tipo di termoconvettori, installabili da professionisti, dovranno poi essere sottoposti a una manutenzione ordinaria per la pulizia saltuaria di filtri e ugelli. Qui trovate le risposte a tutti i dubbi.